Dal 1986 al 1994: L’Europa

Suzuki Mitsunari sensei

Dall’anno 1986 e negli anni seguenti l’attività dell’ARK fu caratterizzata da un intenso e significativo sviluppo.

Essendosi consolidata la struttura interna della Scuola, nel numero e nell’esperienza dei praticanti, su invito del Dott. Procesi, l’Accademia Romana Kyudo decise l’apertura ed il confronto con le altre realtà europee aderendo alle costituite Federazioni nazionali ed estere, sia per la spada che per arco.

Kamogawa Nobuyuki sensei

Ciò permise la partecipazione continuativa ai seminari di studio e l’accesso agli esami per il passaggio di grado (dan), tenuti annualmente dalla European Kyudo Federation e dall’International Kendo Federation, sotto l’egida e l’insegnamento dei Maestri più titolati delle Federazioni di kyudo e di spada. E’ doveroso ricordare fra gli altri: Suzuki Mitsunari sensei, attuale Presidente della IKYF (International Kyudo Federation), Kamogawa Nobuyuki sensei, emerito Presidente della ZNKR, e la famiglia Ishido per spada.

La frequentazione a questi “stage” permise di far apprezzare e conoscere l’ARK come Scuola presso tutte le Federazioni Nazionali Europee e scambiare esperienze con i praticanti di altri Paesi.
Contemporaneamente nella Persona del Presidente dell’ARK, Dottor Placido Procesi, confluì una serie di rapporti con il mondo del tiro con l’arco giapponese, che apportò all’ARK una ricchezza di approfondimento della pratica.

Iniziò un affettuoso legame con Iwao Matsui sensei, esponente della Bishu Chikurin, antica e prestigiosa scuola di kyudo, che si intensificò negli anni in un continuo flusso di corrispondenza e di incontri.

Così pure si stabilì fra il Dott. Procesi e Onuma Hidearu sensei, caposcuola della Sekka-ha Heki Ryu, un lungo rapporto di stima basato sulla coincidenza di pensiero nella visione della pratica del tiro con l’arco privilegiandone l’aspetto “spirituale”.

Kamidana dal Tempio di Ise

Inoltre l’ormai consolidato legame con Takeuchi sensei e i suoi allievi delle Prefetture di Hyogo e Shiga permisero all’ARK di organizzare annualmente a Roma seminari di pratica.
In una di queste occasioni, nel 1986, fu significativo il dono, proveniente direttamente dal Santuario di Ise, di un Kamidana (altarino scintoista) che i sensei portarono per l’ARK.
Questo perché il Dott. Procesi scelse come logo della Scuola lo specchio della Dea Amaterasu, che appunto è conservato a Ise.

“Simbolo della Scuola è un bianco Specchio puro, splendente nell’Etere blu. Esso rappresenta il senso profondo della pratica cioè la manifestazione spontanea, senza sforzo, nella pura consapevolezza della presenza in noi, da sempre, dello stato essenziale luminoso sorgivo, senza causa, energia dello Spirito nel quale tutto appare e in cui tutto si risolve. Vale come punto di riferimento fisso per non allontanarsi dall’autentico spirito tradizionale”. (Dal regolamento interno dell’ARK)

Kentaro Miyazaki sensei

Proseguendo la pratica la Scuola, nella Compagnia della Spada, per una unità di indirizzo scelse di privilegiare lo studio dello Iaido che praticò continuativamente negli anni sotto la guida di Kentaro Miyazaki sensei, particolarmente il Seitei Iai e lo stile Musoshinden.

Altrettanto significativa fu la costituzione nel 1991 dell’Associazione giapponese “Accademia Romana Kyudo in Japan (ARKJ)” tutt’ora esistente.